Scuola

Pi greco Day: per la prima volta in Italia si festeggia la matematica

L’iniziativa Pi greco Day, nata alla fine degli anni 80 in America, prende il via oggi, 14 marzo, per la prima volta in Italia. A proporla la Ministra dell’Istruzione, Università e Ricerca, Valeria Fedeli che ha aperto questa mattina al Miur la giornata di festeggiamenti.Un’intera giornata dedicata alla divulgazione delle materie scientifiche nelle scuole, che prevede sfide a colpi di numeri e quiz matematici per 7.200 ragazzi e ragazze, alcuni presenti nella sede del dicastero di Viale Trastevere, altri on line. Complessivamente sono 1.818 le scuole collegate in tutta Italia. A tutti Fedeli ha rivolto l’augurio di buon divertimento. “Dobbiamo appassionarci alla matematica, ci deve diventare una materia simpatica perche’ ci serve per tantissime cose – ha detto la ministra, sottolineando che nel mondo il Pi Greco Day si fa dal 1988. “Siamo in ritardo ma saremo veloci nel recuperare. Quando comincerete a giocare vi piacera’ tantissimo. Quelli che amano la matematica saranno facilitati quando entreranno nel mondo del lavoro, e mi rivolgo in modo particolare alle studentesse. Non e’ vero che alle ragazze piace meno la matematica – ha proseguito la ministra – e’ che questa materia non viene fatta amare, non viene insegnata in modo piacevole”. Fedeli ha poi ricordato che il nostro paese ha avuto straordinarie donne scienziate, come Rita Levi Montalcini, Samantha Cristoforetti, e Fabiola Gianotti, e ha rivolto alle studentesse l’augurio di diventare “le nostre eccellenze del futuro”.

Perché il 14 marzo? La scelta è ispirata dalla grafia anglosassone del numero 3.14, grafia che indica l’approssimazione ai centesimi di pi greco. Inoltre alcuni celebrano la ricorrenza dalle ore 15, in modo da adeguarsi all’approssimazione 3.1415